Testimonianze - Madonna Addolorata del Perdono

Vai ai contenuti

Menu principale:

Testimonianze

Testimonianze

Su queste pagine vorremmo raccogliere le testimonianze legate alla nostra "Mamma  Addolorata del Perdono".
Testimoniare la propria "guarigione" sia essa spirituale oppure fisica è un atto d'amore nei confronti di Dio e dei nostri fratelli.
La testimonianza è uno dei tanti mezzi messi a nostra disposizione dall'Altissimo per portare cuori a Lui, per vincere la titubanza innata nel nostro essere a fidarci totalmente di colui che si è lasciato morire in croce per darci la possibilità di salvarci.

Agosto 2016 - Antonietta Settimo

Antonietta - Anche la sua famiglia è stata segnata dalle sofferenze a più riprese. Con la Fede in "Colui che tutto può" ha potuto sperimentare la Misericordia del Padre. Preghiamo il Signore che il suo scritto possa essere di aiuto a molti che sono nella prova.

Giugno 2016 - Maurizio Voltan

Maurizio - un papà che si vede improvvisamente crollare il mondo addosso a causa di una malattia che colpisce il figlio. La sua vicinanza al Gruppo Madonna Addolorata del Perdono lo aiuta a fidarsi del Signore attraverso Alina. Rendiamoci partecipi della sua Gioia leggendo la testimonianza che ha voluto scrivere a ringraziamento a Dio.

Luglio 2012 - Rosanna e Alex

Rosanna ed Alex sono due giovani della provincia di Treviso che hanno coronato il loro desiderio di andare in pellegrinaggio da San Padre Pio. I loro cuori si sono aperti all'azione dello Spirito e in quei due giorni hanno assaporato la dolcezza e la pienezza dell'Amore Divino.
Durante la Via Crucis è stato loro assegnato di leggere una preghiera e una meditazione sulla "Famiglia" e evidentemente, per loro, questo è stato un "segno" importantissimo tanto che in unione di cuori hanno scritto la preghiera che hanno voluto condividere con gli altri pellegrini e che possiamo leggere cliccando il link
Preghiera riportato sopra.
Preghiamo affinchè il Signore mantenga viva questa fiamma che si è accesa con la mediazione di San Padre Pio.

Torna ai contenuti | Torna al menu