Madonna Addolorata del Perdono

Vai ai contenuti
   Funziona con:
IE-Mozilla-Firefox

Se usi Chrome:

Attenzione:
I feed RSS non sono supportati
da Microsoft EDGE (windows10)

MARZO 2019
Mese dedicato a SAN GIUSEPPE

Nessun santo può avere tanti meriti per ottenere da Gesù grazie, come San Giuseppe.
Nessuno potrà mai dire a Gesù: "Io Ti diedi da mangiare col mio sudore, Ti procurai il vestito, io Ti diedi da bere".
Nessun santo potrà mai dire a Gesù come Giuseppe:
"Io Ti ho educato, ancora Bambino, Ti portai con queste mie braccia, Ti nascosi in Egitto e là Ti liberai dalla morte spietata a cui Erode tentava di condannarTi. Io, in una parola, fui il Tuo Custode, il Tuo padre davidico".

Come Gesù non può negare i favori che ha ricevuto da San Giuseppe, così non sa negargli niente di ciò che lui Gli chiede.
Se poi Giuseppe chiede qualche grazia a Dio per mezzo di Maria, che cosa potrà mai negare Maria di ciò che Le chiede il Suo sposo, e Gesù di ciò che Gli chiede Sua Madre?
Ecco la misteriosa scala attraverso cui salgono a Dio le nostre preghiere e discendono esaudite, del resto non potrebbe essere altrimenti, viste le parole di santa Teresa d'Avila:
"Qualunque grazia si domanda a San Giuseppe verrà certamente concessa. Chi non crede, ne faccia la prova affinchè si persuada".

A TE, O BEATO GIUSEPPE
A Te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo,
e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio dopo quello della tua santissima Sposa.
Per quel sacro vincolo di carità, che Ti strinse all'Immacolata Vergine Maria, Madre di Dio,
e per l'amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, Te ne preghiamo,
con occhio benigno la cara eredità, che Gesù Cristo acquistò col suo Sangue,
e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni.
Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l'eletta prole di Gesù Cristo:
allontana da noi, o Padre amatissimo, gli errori e i vizi, che ammorbano il mondo;
assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore;
e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del pargoletto Gesù,
così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità;
estendi ognora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché a tuo esempio
e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere,
piamente morire e conseguire l'eterna beatitudine in cielo.
Cosi sia


Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 15, 9-17)

“ … Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi.
Nessuno ha un amore più grande di questo:
dare la vita per i propri amici.
Voi siete miei amici se fate quel che io vi comando.
Non siete voi che avete scelto me,
ma io ho scelto voi,
e vi ho destinati a portare molto frutto,
un frutto duraturo.
Allora il Padre vi darà tutto quello
che chiederete nel nome mio.
Questo io vi comando: amatevi gli uni gli altri.”


PREMESSA
Lo scopo del sito è puramente quello di informare persone che messe a conoscenza di questi fatti straordinari possano meditare.
La credibilità ai messaggi riportati, deve essere puro atto di fede per coloro che li leggono ed il nome dell'associazione, come quello di altre persone, nulla può aggiugere alla veridicità degli stessi. Si tratta di puro atto di fede. Maria e Gesù nei messaggi dati a Cavarzere ( VE), chiedono ai fedeli che questi siano divulgati per la conversione delle anime.
Si fa presente che in forza del decreto della Sacra Congregazione per la dottrina della Fede , pubblicato in << Acta Apostolicae Sedis n°58/16 del 29 Dicembre 1966 >> approvato da Paolo VI in data 14 ottobre 1966, con il quale Sua Santità stessa acconsentì alla divulgazione senza l’Imprimatur per scritti riguardanti nuove apparizioni , rivelazioni , visioni , profezie e miracoli , è stata possibile la realizzazione di questo sito senza violare disposizioni ecclesiastiche .
In ossequio ai decreti di Urbano VIII e ai decreti della Sacra Congregazione dei Riti, premettiamo che a quanto viene esposto nel presente sito e riguardante i messaggi della Madonna Addolorata del Perdono e di Gesù, dati a Cavarzere ad un'anima mistica, va prestata fede.
E' ASSOLUTAMENTE VIETATO UTILIZZARE QUANTO RIPORTATO NEL PRESENTE SITO PER QUALSIASI USO SENZA ESPRESSA AUTORIZZAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE "GRUPPO MADONNA ADDOLORATA DEL PERDONO" CAVARZERE (VE)
Torna ai contenuti